Caldo a Mato Grosso

Mato grosso

I comuni dello Stato sono tra i più caldi del Brasile

Nel ranking dei comuni più caldi del Brasile, sette sono dello Stato di Mato Grosso, secondo la ricerca dell’Istituto Nazionale di Meteorologia (Inmet). La città più calda del Paese, fino alla chiusura di questa edizione, era Sapezal (distante 480 chilometri da Cuiabá), che ha raggiunto 44,8 ºC il 13 settembre. Secondo il meteorologo dell’istituto Heráclio Alves, questa è una condizione normale per il periodo.

Heráclio sottolinea inoltre che nelle zone centrali del Paese la massa d’aria secca è predominante. «La stagione secca è predominante in Brasile a causa del periodo di riflusso. Di conseguenza, la massa d’aria secca predomina la regione principalmente nelle aree centrali del Paese, il che riduce le possibilità di pioggia», ci spiega.

Il meteorologo evidenzia che ad ottobre dovrebbe piovere un po’ di più. «Ad ottobre inizia il periodo di pioggia, ma ciò non significa grossi cambiamenti, anzi, la temperatura sarà ancora alta, anche con la stagione piovosa, a causa di questa massa d’aria che impedisce che la pioggia raggiunga le zone centrali».

Ricerca

Secondo l’Inmet, la città che occupa il secondo posto tra le più calde a Mato Grosso è la capitale dello Stato, Cuiabá, che ha raggiunto 41,4ºC. Oltre a questo, l’istituto evidenzia che la città ha battuto altri due record di caldo, registrando 40ºC e 40,7ºC a settembre. In riferimento a una ricerca fatta dal sito internazionale Hot Cities, la capitale appare, un’altra volta, come la più calda al mondo, con 39 °C.

Stagione secca

Tangará da Serra, Alto Taquari e Juscimeira a Mato Grosso, e Novo Horizonte a Santa Catarina, sono state messe in stato d’emergenza dal governo federale per la mancanza di pioggia. Secondo il Ministero dello Sviluppo Regionale (MDR), che ha seguito le conseguenze della siccità nel Paese, l’ente riconosce la situazione d’emergenza in 14 comuni del Brasile, basandosi sulla pubblicazione nel Diario Ufficiale dell’Unione (DOU) il 13 settembre.

Il rappresentante della Difesa Civile, Alexandre Lucas, ha dichiarato che i gestori dei comuni possono sollecitare risorse dal MDR in modo che la popolazione colpita sia assistita. «Ciò che il riconoscimento consente è che il governo federale, con tutti i suoi organi del Sistema Federale della Protezione e Difesa Civile, agisca a sostegno dello Stato. Questa è la prima conseguenza, anche cambiando i suoi processi amministrativi, per velocizzare questo aiuto».

Gli Stati e i comuni possono fare il sollecito dopo aver dichiarato lo stato d’emergenza e successivamente chiedere riconoscimento federale tramite il Sistema Integrato di Informazioni sui Disastri (S2iD). La Difesa Civile sottolinea che il rappresentante federato può sollecitare dei bonifici per il ristabilimento dei servizi essenziali e la ricostruzione di infrastrutture pubbliche danneggiate dal disastro.

Ranking

Secondo l’Inmet, i comuni di Mato Grosso che hanno raggiunto le temperature più elevate sono stati: Cuiabá (41.8 ºC), Porto Estrela (41 ºC), Padre Ricardo Remetter (40.8 ºC), Rondonópolis (40.3 ºC) e Diamantino (39.8 ºC). Já em Mato Grosso do Sul: Coxim (40.5 ºC), Água Clara (39.9 ºC), Corumbá (39.7 ºC). No Piauí: Bom Jesus do Piauí (40.2 ºC), Piripiri (39.4 ºC), Alvorada do Gurgueia (39 ºC). Em Goiás: Edeia (39.6 ºC), Goiânia (39.1 ºC), Goiás (39 ºC). Na Bahia: Formoso do Rio Preto (39.9 ºC), Sta. R. de Cássia (Ibipetuba) (39.6 ºC) e a Tocantins: Paranã (39.5 ºC).

Articolo tratto da Rivista Cenarium. Da Amazonia para o mundo, ottobre 2021, Anno II, n. 16
Si ringrazia la traduttrice Tainá Reiff Bertolace